A proposito di Belgrado

Belgrado si trova nel luogo in cui il Sava si unisce al Danubio. Belgrado è una delle più antiche città d’Europa e, accanto Atene, il più grande complesso urbano della penisola balcanica. Belgrado è la capitale della Serbia, avendo intorno a 1,7 milioni di residenti. Nel settore del traffico e dei trasporti, è una città della massima importanza come centro stradale e ferroviario, come porto per il traffico fluviale e aria, e come centro di telecomunicazione. Si estende su 3,6% del territorio della Serbia, e il 15,8% della popolazione serba vive in questa città. Inoltre, il 31,2% di tutti i lavoratori impiegati in Serbia lavorano a Belgrado.

beograd

Belgrado Singidunum, “la città della canta”, una tribù Dachian riuscito dai Celti nel III secolo aC, che erano i signori di insediamenti dove Zvezdara di oggi e Visnjica sono … come la “Città Bianca”, chiamata così dal slavi che si stabilirono qui nel VI e VII secolo, mentre la prima traccia scritta per la città denominata “Belgrado” risale all’anno di 878.

pobednik

L’attuale complesso della fortezza di Belgrado, come museo unico della turbolenta storia della città, si compone di Città Alta, Città Bassa e il parco Kalemegdan, che fino al XIX era spazio vuoto di fronte al muro della fortezza in cui era previsto il nemico previsto – da qui il nome turco del parco: kale – fortezza e Megdan – campo.

Belgrado come un porto, come il molo dove la Sava sfocia nel Danubio, sostenuto dal filosofo Costantino di essere mistico Pison biblica (Genesi 2,11), uno dei quattro fiumi Eden. Il Danubio porta a ispirazione Belgrado Strauss ‘con lo spirito a metà l’Europa, mentre la Sava mantiene i segreti dei pescatori e bohémien Derocco e Mika Alas, che vivono questi nuovi del tempo insieme con le sue zattere.

most-na-adi-Beograd-rs

Con i suoi ponti di Belgrado non è solo nei Balcani, ma si fa avanti per l’Europa centrale e diventa la città che raccoglie l’esperienza di diverse culture. Con i suoi ponti, Belgrado Zemun acquisisce con Srem, Pancevo con Banat.

Belgrado come il monumento della natura i cui tesori sono verde Kalemegdan e Tasmajdan parchi, Avala, Topcider, Zvezdara, Kosutnjak, Ada Ciganlija. Tra la sede di edifici, grattacieli e viali ci sono veri e propri serbatoi naturali come il giardino Botnical o La Grande isola della guerra.

hram

Belgrado come una grande famiglia che ha la sua festa, la sua vacanza Spasovdan – il giorno dell’Ascensione di Cristo, che, dal calendario cristiano, è in data diversa ogni anno, ma sempre il Giovedi, quaranta giorni dopo la Pasqua e dieci giorni prima della Pentecoste.

vita Belgrado significa innamorarsi e di avventura, di uscire, separazione e di incontro, romanticismo e il pathos, la passione e la gioventù, e correre attraverso l’ingorgo. Belgrado come il padiglione d’arte dove FEST, BELEF, BITEF, Joy of Europe, BEMUS, Salone di Ottobre e Fiera del Libro si svolgono le mostre internazionali d’arte che significava vita a Belgrado in tutti i tipi di circostanze politiche e sociali.

kalemegdanBelgrado come la città cristiana in cui despota Stefan Lazarevic ha sollevato la Chiesa della Madre di Dio, scrivendo nel suo statuto: «E avere venire, ho trovato il posto più glorioso di tutti, la grande città di Belgrado, che era al momento in rovina e disertore. ho sollevato e dedicato alla Madre di Dio “. Attraverso la storia di Belgrado, le tracce di costruzione e demolizione sono stati lasciati dai Celti, romano e bizantino, Ungheria medievale, Impero Ottomano, monarchia asburgica, serbi e le “jugoslavi”. La sua storia “invisibile” deve ancora essere rivelato.

mostarBelgrado come una griglia di alleati, strade buie e volte, ciottoli e strade macadam, recinzioni e capanne – antichità a volte non rispettato abbastanza. Sono dappertutto, ma inosservato per molti, tra palazzi e grattacieli, viali e parchi … ricordano quello che Belgrado ha usato per essere, oltre fortezza, anche un piccolo e arretrato paese.

trgrepublikeBelgrado come qualcosa di vecchio che va via dall’oblio e come qualcosa di nuovo a Witch si sforza gioia … Due volte in breve tempo le parole echeggiano piazze e le vie di coperta di neve, questa volta veramente, “città bianca” – le parole che esprimono desideri e speranze per il futuro migliore. Che tutti questi desideri e speranze che si avvera – per il felice futuro di Belgrado!